L'attore

L’attore

presto disponibile

€9.99€24.99 IVA inclusa

vendita diretta
COD: N/A. Categoria: .
Il Libro

Quest’ottantina di articoli, già pubblicati da Garzanti nel 1988 e ora riproposti in questa nuova edizione rivista e ampliata, sono una scelta vasta e significativa dell’attività critica di Roberto De Monticelli, esercitata però oltre i limiti della recensione. Il quadro mosso e vario, ricco di figure e di voci, nutrito di dati e di citazioni, si dispone quasi come un affresco e una storia del teatro italiano del secondo Novecento visto soprattutto dalla parte dell’attore. Il frequente riferimento agli anni euforici dell’immediato dopoguerra, dove al bisogno di ricostruzione morale e materiale che il cronista aveva colto raccontando Milano, si univa un’impellente necessità di ripartire con una rifondazione culturale del paese, testimonia di una radice, di un momento magico di condivisione che fece il cemento e il profondo legame tra i giovani di quella generazione. Inchieste, interviste, profili, riflessioni: è un palcoscenico della memoria ad animarsi, un paesaggio dell’anima, la mappa di un teatro che muta attraverso la metamorfosi del suo protagonista, l’attore, e, insieme, del testimone-critico che vede dispiegarsi, attraverso quella metamorfosi, la sua stessa biografia esistenziale.

L’Autore

Nato a Firenze (da famiglia di attori) nel 1919, Roberto De Monticelli si laureò con Mario Apollonio. Entrato nel giornalismo, fu dapprima cronista a «Italia libera», «Il Tempo di Milano» e a «La Patria», dove cominciò a occuparsi di teatro, entrando poi come critico teatrale al «Giorno» e tenendo anche una rubrica sul settimanale «Epoca». Nel 1974 passa al «Corriere della Sera», dove rimane fino al giorno della morte, avvenuta nel febbraio 1987. Nel 1986 era uscito da Garzanti il romanzo L’educazione teatrale. Nel 1996 Bulzoni pubblica la raccolta in quattro volumi delle sue recensioni. La sua attività di cronista è raccolta in Inviato speciale, Melampo Editore, 2008.

Descrizione prodotto

Il Libro

Quest’ottantina di articoli, già pubblicati da Garzanti nel 1988 e ora riproposti in questa nuova edizione rivista e ampliata, sono una scelta vasta e significativa dell’attività critica di Roberto De Monticelli, esercitata però oltre i limiti della recensione. Il quadro mosso e vario, ricco di figure e di voci, nutrito di dati e di citazioni, si dispone quasi come un affresco e una storia del teatro italiano del secondo Novecento visto soprattutto dalla parte dell’attore. Il frequente riferimento agli anni euforici dell’immediato dopoguerra, dove al bisogno di ricostruzione morale e materiale che il cronista aveva colto raccontando Milano, si univa un’impellente necessità di ripartire con una rifondazione culturale del paese, testimonia di una radice, di un momento magico di condivisione che fece il cemento e il profondo legame tra i giovani di quella generazione. Inchieste, interviste, profili, riflessioni: è un palcoscenico della memoria ad animarsi, un paesaggio dell’anima, la mappa di un teatro che muta attraverso la metamorfosi del suo protagonista, l’attore, e, insieme, del testimone-critico che vede dispiegarsi, attraverso quella metamorfosi, la sua stessa biografia esistenziale.

L’Autore

Nato a Firenze (da famiglia di attori) nel 1919, Roberto De Monticelli si laureò con Mario Apollonio. Entrato nel giornalismo, fu dapprima cronista a «Italia libera», «Il Tempo di Milano» e a «La Patria», dove cominciò a occuparsi di teatro, entrando poi come critico teatrale al «Giorno» e tenendo anche una rubrica sul settimanale «Epoca». Nel 1974 passa al «Corriere della Sera», dove rimane fino al giorno della morte, avvenuta nel febbraio 1987. Nel 1986 era uscito da Garzanti il romanzo L’educazione teatrale. Nel 1996 Bulzoni pubblica la raccolta in quattro volumi delle sue recensioni. La sua attività di cronista è raccolta in Inviato speciale, Melampo Editore, 2008.

Informazioni aggiuntive

formato

epub, pdf, cartaceo, store