La palestra della felicità

La palestra della felicità

presto disponibile

€5.99€9.99 IVA inclusa

vendita diretta
COD: N/A. Categoria: .
Il Libro

Lei e Lui, i protagonisti di questa storia, sono condannati a reiterare un rituale vitale quanto autodistruttivo, finalizzato al darsi la morte, per poter rinascere, per poter rocambolescamente morire, tra mille colpi di scena, ancora e ancora. «L’amore non va» dirà uno dei personaggi femminili all’uomo che le chiede di sposarla, «L’amore non buca. La morte buca». Tutto è intrattenimento. Per esistere bisogna dunque intrattenere, e per intrattenere è d’uopo il morire, anche perché gli attori sono solo in due. Gli altri, i loro presunti colleghi di un tempo, stando a quanto essi ci dicono «sono stati buttati via», cacciati, considerati inutili. La finzione è la loro sola possibilità di sopravvivenza. Il libro è introdotto da Renato Gabrielli.

L’Autore

Valentina Diana nasce a Torino nel 1968 e vive a Chieri. Si diploma come attrice alla Scuola Civica Paolo Grassi di Milano. È regista e autrice. Scrive per il teatro i testi: 56-32-104, Fratelli, Ricordati di ricordare cosa?, La comitragediateatrale, Swan, La bicicletta rossa (Premio Eolo Awards 2013 per la migliore drammaturgia dell’anno), Senza Voce-Storia di Ciccilla, Opera Nazionale Combattenti presenta: I giganti della montagna atto III, L’eternità dolcissima di Renato Cane. Pubblica la raccolta di poesie Tre ore di notte e un pezzo del mattino (Torino Poesia, 2007) e alcune poesie nell’antologia Bastarde senza gloria (Sartoria Utopia, 2013) e sul blog letterario Critica Impura. Scrive i romanzi Smamma (Einaudi, 2014) e Mariti o Le imperfezioni di Gi (Einaudi, 2015).

Descrizione prodotto

Il Libro

Lei e Lui, i protagonisti di questa storia, sono condannati a reiterare un rituale vitale quanto autodistruttivo, finalizzato al darsi la morte, per poter rinascere, per poter rocambolescamente morire, tra mille colpi di scena, ancora e ancora. «L’amore non va» dirà uno dei personaggi femminili all’uomo che le chiede di sposarla, «L’amore non buca. La morte buca». Tutto è intrattenimento. Per esistere bisogna dunque intrattenere, e per intrattenere è d’uopo il morire, anche perché gli attori sono solo in due. Gli altri, i loro presunti colleghi di un tempo, stando a quanto essi ci dicono «sono stati buttati via», cacciati, considerati inutili. La finzione è la loro sola possibilità di sopravvivenza. Il libro è introdotto da Renato Gabrielli.

L’Autore

Valentina Diana nasce a Torino nel 1968 e vive a Chieri. Si diploma come attrice alla Scuola Civica Paolo Grassi di Milano. È regista e autrice. Scrive per il teatro i testi: 56-32-104, Fratelli, Ricordati di ricordare cosa?, La comitragediateatrale, Swan, La bicicletta rossa (Premio Eolo Awards 2013 per la migliore drammaturgia dell’anno), Senza Voce-Storia di Ciccilla, Opera Nazionale Combattenti presenta: I giganti della montagna atto III, L’eternità dolcissima di Renato Cane. Pubblica la raccolta di poesie Tre ore di notte e un pezzo del mattino (Torino Poesia, 2007) e alcune poesie nell’antologia Bastarde senza gloria (Sartoria Utopia, 2013) e sul blog letterario Critica Impura. Scrive i romanzi Smamma (Einaudi, 2014) e Mariti o Le imperfezioni di Gi (Einaudi, 2015).

Informazioni aggiuntive

formato

epub, pdf, cartaceo, store