Le mie regie: Il gabbiano

presto disponibile

€9.99€19.99 IVA inclusa

vendita diretta
COD: N/A. Categoria: .
Il Libro

Primo e contrastato incontro del regista Konstantin Stanislavskij con il grande scrittore Anton Čechov. Siamo agli inizi del Teatro d’Arte di Mosca, che incamererà l’immagine dello spettacolo nel suo storico emblema. Accompagna i particolareggiati interventi del regista e i suoi dettagliati bozzetti, scena per scena, il testo della commedia nella traduzione di Fausto Malcovati, curatore del volume, al quale si deve anche l’illuminante introduzione con un’analisi del complesso rapporto registico tra lo scettico Stanislavskij e l’entusiasmo del suo collega Nemirovič-Dančenko, che mediava il rapporto con l’autore, e uno spazio riservato ai dubbi di Mejerchol’d, attore refrattario alle prescrizioni stanislavskiane, nella parte del giovane Treplev. Un libro fondamentale per capire una delle opere di Čechov più rappresentate all’inizio del secolo scorso.

Gli Autori

Fausto Malcovati, docente di Lingua e Letteratura Russa all’Università di Milano, traduttore e critico teatrale, è uno dei massimi esperti di teatro e cultura russa. Oltre ad aver tradotto tutto il teatro di Čhecov e ad aver lavorato sugli scritti teorici dei principali maestri della regia, Stanislavskij, Mejerchol’d e Vachtangov, si è occupato di simbolismo russo, in particolare di Vjaceslav Ivanov e di Valerij Brjusov, di narrativa della seconda metà dell’Ottocento, con monografie e saggi dedicati a Gogol’, Dostoevskij, Tolstoj.

Descrizione prodotto

Il Libro

Primo e contrastato incontro del regista Konstantin Stanislavskij con il grande scrittore Anton Čechov. Siamo agli inizi del Teatro d’Arte di Mosca, che incamererà l’immagine dello spettacolo nel suo storico emblema. Accompagna i particolareggiati interventi del regista e i suoi dettagliati bozzetti, scena per scena, il testo della commedia nella traduzione di Fausto Malcovati, curatore del volume, al quale si deve anche l’illuminante introduzione con un’analisi del complesso rapporto registico tra lo scettico Stanislavskij e l’entusiasmo del suo collega Nemirovič-Dančenko, che mediava il rapporto con l’autore, e uno spazio riservato ai dubbi di Mejerchol’d, attore refrattario alle prescrizioni stanislavskiane, nella parte del giovane Treplev. Un libro fondamentale per capire una delle opere di Čechov più rappresentate all’inizio del secolo scorso.

Gli Autori

Fausto Malcovati, docente di Lingua e Letteratura Russa all’Università di Milano, traduttore e critico teatrale, è uno dei massimi esperti di teatro e cultura russa. Oltre ad aver tradotto tutto il teatro di Čhecov e ad aver lavorato sugli scritti teorici dei principali maestri della regia, Stanislavskij, Mejerchol’d e Vachtangov, si è occupato di simbolismo russo, in particolare di Vjaceslav Ivanov e di Valerij Brjusov, di narrativa della seconda metà dell’Ottocento, con monografie e saggi dedicati a Gogol’, Dostoevskij, Tolstoj.

Informazioni aggiuntive

formato

epub, pdf, cartaceo, store