Alberto Sordi

Alberto Sordi, ovvero quarant’anni di attività cinematografica e di costume di casa nostra.

Il volume rende omaggio all’atto­re e all’uomo, con un saggio introduttivo-biografico e una lunga intervista.

Il libro contiene anche uno studio a più facce sugli aspetti gestuali della personalità di Sordi e una completa filmografia della sua lunga carriera.

Lo arricchiscono una serie di ‘testimonianze’ di critici, attori e registi: hanno dato il loro contributo Luigi Comencini, Alberto Lattuada, Nanni Loy, Enrico Montesano, Morando Morandini, Dino Risi ed Ettore Scola.

La storia di un italiano in un viaggio attraverso alcuni generi di cinema, che sono anche i graffiti della nostra epoca.

Uno dei classici della letteratura cinematografica, in una nuova edizione riveduta e ampliata.

Maurizio Porro

Nato a Milano il 10 luglio 1942, è laureato in Lettere e Filosofia.

Ha lavorato con diverse funzioni al Piccolo Teatro dal 1964 al 1970, alla Ferrania 3m, dal 1969 al 1970.

Ha iniziando poi a collaborare con il «Corriere della Sera» dove entra nel 1974 dopo due anni a «il Giorno».

Professore di Storia della Critica dello Spettacolo all’Università Statale di Milano dal 2002, ha pubblicato tra gli altri un Quaderno del Piccolo Teatro (1967), Joseph Losey (1977), Il cinema vuol dire (1979), Alberto Sordi (1980), La cineteca di Babele (1981), Alida Valli (1996), Dizionario dello spettacolo del Novecento (1998), Fine del primo tempo (1999), Il Melò (2008).

È stato curatore dei fascicoli della collana dei dvd Garinei e Giovannini e ha collaborato con Marisa Fabbri per la collana I Grandi Sceneggiati.