La funzione culturale del festival

Un seminario

Il volume raccoglie gli atti del seminario La funzione culturale dei festival, tenutosi il 29 settembre 2018 al Teatro Metastasio di Prato nell’ambito di Contemporanea Festival.

In questa occasione alcuni direttori di festival, tra i più rilevanti del panorama italiano, hanno discusso insieme a studiosi, critici e operatori il ruolo odierno dei progetti artistico-culturali che articolano e trasformano la nozione di «festival».

Attraverso una serie di dialoghi tematici, affidati ciascuno a una coppia di interlocutori e seguiti da discussioni allargate, si è riflettuto sulla complessa storia dei festival teatrali, sulle dinamiche interne alle loro progettazioni, sul rapporto tra pubblico specialistico e comunità locali, tra artisti e mestieri del teatro per poi allargare lo sguardo al sistema paese e ai problemi territoriali, ridefinendo il percorso che va dalla processualità al progetto.

Il seminario segue un primo appuntamento in cui esperti e professionisti del settore si sono confrontati, nell’ambito dell’edizione 2017 di Contemporanea Festival, sulla crisi della funzione culturale dei/nei festival. 

Da questo e da altri successivi incontri nascono le tematiche dei dialoghi qui raccolti.

Edoardo Donatini

Curatore di progetti interdisciplinari, da trent’anni si occupa prevalentemente di teatro, danza e arte contemporanea.

Ideatore e direttore artistico di Contemporanea Festival a Prato, da diversi anni è responsabile della sezione innovazione, danza, nuove generazioni del Teatro Metastasio.

Dal 2016 è membro del Cda della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana - Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci.

Gerardo Guccini

Insegna Drammaturgia e Tecniche della Composizione Drammatica all’Università di Bologna.

Nel 1995 fonda con Claudio Meldolesi il semestrale «Prove di Drammaturgia».

Nel 2012, fonda con Matteo Casari la collana in rete Arti della Performance (AMS Acta).

Dal 2018 è Responsabile Scientifico del Centro teatrale La Soffitta.

I suoi studi comprendono il teatro di narrazione e la drammaturgia contemporanea.