Premio Incredibol 2016

Cue vince Incredibol storico premio promosso dal Comune di Bologna e rivolto a tutte le realtà dell’Emilia Romagna.

Il premio è dedicato all’innovazione creativa.

Così la giuria descrive il progetto vincitore:

Cue /kju:/ in inglese significa «battuta d’entrata, attacco, suggerimento, imbeccata».
È alla fine del 2012 che nasce Cue Press, la prima casa editrice digitale italiana interamente dedicata alle arti dello spettacolo, coniugando il recupero di un prezioso patrimonio culturale e librario ai più elevati standard tecnologici e moderni di distribuzione.
A fronte di una materialità che va assottigliandosi sempre di più, il libro non viene concepito come ‘oggetto’ ma come ‘pro-getto’.
Non solo una casa editrice quindi, ma un vero e proprio laboratorio di idee per costruire modelli nuovi per l’editoria e moderne modalità di produzione culturale.
Cue produce libri digitali (ebook) e libri cartacei con un processo di stampa digitale (on demand).
L’agilità e l’economia del digitale permettono il recupero di testi fondamentali non più disponibili e la proposta di novità di valore, declinando un immenso patrimonio culturale in vista di un pubblico che esiste ed è reattivo, ma non è più raggiunto (e forse raggiungibile) dai metodi dell’editoria tradizionale.
Le nicchie di mercato che si esploreranno spaziano dal cinema all’arte, dal fumetto alla musicologia.
​Le edizioni Cue propongono il meglio dell’editoria dello spettacolo, italiana ed internazionale.

Incredibol
vedi anche: