Homicide House

Homicide House

presto disponibile

€5.99€8.99 IVA inclusa

vendita diretta
COD: N/A. Categoria: .
Il Libro

Indebitato per problemi di lavoro, un uomo finisce vittima di un gioco al massacro riservato a facoltosi in cerca di emozioni forti. Un gioco che non lascia scampo e che affida all’uomo il compito di spiegare al mondo, con ipocrisia e falsità, una storia troppo complicata.
Testo vincitore del decimo Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli, edizione 2013, con la seguente motivazione: «Sinistra e infantile parabola sugli incerti confini tra il vero e il falso, testo introspettivo dal piglio ironico-favolistico (favole macabre senza lieto fine, per intendersi), Homicide House è un coraggioso tentativo di scrittura drammaturgica ‘verticale’, in grado di farsi carico di una matrice teoretica/concettuale che mette in atto una ‘morbida’ elusione del tragico. Se il dilemma attorno a cui ruota il dipanarsi della storia appartiene di diritto alla normalità prosaica (in sintesi, si può mentire a fin di bene o, al limite, nel nome del male minore?), i personaggi dimostrano di essere istanze filosofiche, portatori di una determinata poetica del pensiero, prima ancora che entità finzionali: non è un caso se Uomo, che nasconde alla donna amata il vizio di indebitarsi per il puro piacere di farlo, dovrà condurre i suoi equivoci commerci con loschi figuri quali Camicia a Pois e Tacchi a Spillo, riuscendo a salvare la pelle senza alcuno sforzo pratico ma con un puntuale esercizio della parola. La casa degli omicidi è un meccanismo di sevizie psicologiche che ferisce e uccide con il ragionamento piuttosto che con le sole armi di tortura. Un’idea originale alla base della scrittura e un linguaggio disinvolto e agile nell’alternare isolati e funzionali monologhi a fulminanti e accesi dialoghi fanno del testo un riuscito e promettente esperimento».

L’Autore

Emanuele Aldrovandi è nato a Reggio Emilia nel 1985. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è formato come autore alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Ha ricevuto alcuni fra i più importanti riconoscimenti per la nuova drammaturgia: il Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli per Homicide House (2013), il Premio Fersen per Il generale (2013), il Premio Nazionale di Teatro Luigi Pirandello per Felicità (2012) e la Segnalazione al Premio Hystrio Scritture di scena per Funziona meglio l’odio (2012).
Lavora con la Compagnia MaMiMò per cui ha scritto L’isola del tesoro (2012), Viva Clara! (2013) e Elvis e il Papa (2014).

Descrizione prodotto

Il Libro

Indebitato per problemi di lavoro, un uomo finisce vittima di un gioco al massacro riservato a facoltosi in cerca di emozioni forti. Un gioco che non lascia scampo e che affida all’uomo il compito di spiegare al mondo, con ipocrisia e falsità, una storia troppo complicata.
Testo vincitore del decimo Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli, edizione 2013, con la seguente motivazione: «Sinistra e infantile parabola sugli incerti confini tra il vero e il falso, testo introspettivo dal piglio ironico-favolistico (favole macabre senza lieto fine, per intendersi), Homicide House è un coraggioso tentativo di scrittura drammaturgica ‘verticale’, in grado di farsi carico di una matrice teoretica/concettuale che mette in atto una ‘morbida’ elusione del tragico. Se il dilemma attorno a cui ruota il dipanarsi della storia appartiene di diritto alla normalità prosaica (in sintesi, si può mentire a fin di bene o, al limite, nel nome del male minore?), i personaggi dimostrano di essere istanze filosofiche, portatori di una determinata poetica del pensiero, prima ancora che entità finzionali: non è un caso se Uomo, che nasconde alla donna amata il vizio di indebitarsi per il puro piacere di farlo, dovrà condurre i suoi equivoci commerci con loschi figuri quali Camicia a Pois e Tacchi a Spillo, riuscendo a salvare la pelle senza alcuno sforzo pratico ma con un puntuale esercizio della parola. La casa degli omicidi è un meccanismo di sevizie psicologiche che ferisce e uccide con il ragionamento piuttosto che con le sole armi di tortura. Un’idea originale alla base della scrittura e un linguaggio disinvolto e agile nell’alternare isolati e funzionali monologhi a fulminanti e accesi dialoghi fanno del testo un riuscito e promettente esperimento».

L’Autore

Emanuele Aldrovandi è nato a Reggio Emilia nel 1985. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è formato come autore alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Ha ricevuto alcuni fra i più importanti riconoscimenti per la nuova drammaturgia: il Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli per Homicide House (2013), il Premio Fersen per Il generale (2013), il Premio Nazionale di Teatro Luigi Pirandello per Felicità (2012) e la Segnalazione al Premio Hystrio Scritture di scena per Funziona meglio l’odio (2012).
Lavora con la Compagnia MaMiMò per cui ha scritto L’isola del tesoro (2012), Viva Clara! (2013) e Elvis e il Papa (2014).

Informazioni aggiuntive

formato

epub, pdf, cartaceo, store